BENVENUTI NEL BLOG DEL CORO "LA CORDATA"

Il coro Alpino fondato dal Maestro Giuseppe Labbozzetta, dal 1986 rappresenta un punto di riferimento corale e musicale per la città di Mestre e dintorni. Il sodalizio con la sezione C.A.I. conferma il legame del Coro con la passione per i canti popolari e l'amore per la montagna.

A TUTTI I NOSTRI VISITATORI BUONA NAVIGAZIONE

martedì 1 marzo 2011

UN NUOVO MAESTRO PER IL CORO LA CORDATA - dal 2011 un nuovo corso




Con una ventata di cambiamento, il nuovo anno cha finalmente portato il tanto atteso momento di ripresa  per il Coro la Cordata di Mestre.
Erano noti a tutti i problemi che avevano ingessato nell'ultima parte dell 25° anno il vecchio sodalizio canoro del CAI di Mestre.
C'erano nell'aria attese e propositi che non trovavano evoluzioni positive e la chiusura sembrava imminente.

La carenza, e non solo, di voci nella tonalità più alta, quella dei tenori primi, limitava e condizionava la vita stessa del coro al punto di minarne la stessa esitenza e non sembravano esserci vie di scampo.

Si è creata  fortunatamente nel suo interno una positiva rivisitazione del senso e dei ruoli degli stessi cantori che messisi in discussione e in "movimento" hanno stimolato il dibattito sui limiti e sugli obiettivi a quali tutti si volevano misuare.

Ciò ha permesso di riconoscere gli aspetti organizzativi  e le carenze che avevano condizionato fin qui lo sviluppo del repertorio e della stessa esitenza del coro al punto tale da condizionarne l'attività.

Il dibattito che si è aperto, proprio sulle pagine di questo blog, ha insperatamente avuto un epilogo positivo visto che si è trovata l'unica soluzione, la  più semplice e più naturale che ci potesse essere: trovare la risorsa del coro  dentro al coro stesso.
Così  è venuto spontaneo ad Arnaldo Di Cristofaro, il vice direttore,  di prendere il testimone e portare avanti il lavoro fin qui svolto  dal nostro vecchio maestro Bepi.



Nel segno della continuità e del riconoscimento del grande lavoro svolto e della passione che ha caratterizzato tutti i 25 anni di vita del coro, Arnaldo prova quindi a dare senso e valore al percorso canoro  fin qui effettuato dal coro La Cordata, ricominciando con entusiasmo le prove e la preparazione dei già molti concerti messi in calendario per i prossimi mesi.


In passato Arnaldo aveva svolto il ruolo di vicedirettore e anche se non c'è mai stata la necessita, era preparato a sostituire il maestro in caso di assenza.
Come sappiamo, e questo fa onore a Bepi, il maestro con spirito di squadra era riuscito a garantire sempre la continuità del coro garantendo la sua presenza, tanto che il ruolo di vice è rimasto sempre puramente relegato ad un'emergenza mai  avvenuta.


In questi anni Di Cristofaro animava i concerti con le sue bizzarre presentazioni, contraltare semiserio e sdrammatizzante alle atmosfere  delle canzoni di montagna, a volte troppo austere  e malinconiche.

Sono memorabili i riferimenti a tematiche e concetti che poi non trovavano coincidenza con il brano che poi il coro eseguiva, ma che però per la modalità e la simpatia con la quale Arnaldo li presentava, riusciva sempre  a  catturare il consenso e l'attenzione del pubblico in sala, che con molta  benevolezza, stava  sempre  al gioco dei paradossi.

Mentre questo succedeva, Arnaldo però studiava da Maestro, coltivavando senza rendersene conto, l'ambizione di questo ruolo, tanto da venirgli naturale prendere in mano il coro al momento che ce ne è stato bisogno, come solo un vero vice direttore poteva fare.

In arrivo nuove versioni per vecchi repertori e nuovi canti che allieteranno gli amanti della coralità popolare di montagna.


A lui e a tutto il coro vanno gli auguri di buon lavoro e buona fortuna.


2 commenti:

  1. Era ora che si ripartisse alla grande.

    AUGURI

    RispondiElimina
  2. roberto ferro3 marzo 2011 15:31

    Quello che aveva proposto Danilo si è verificato, un cambiamento di rotta, una virata, un ricominciare e la cosa più bella è che questo è avvenuto senza stravolgere il coro.
    Compimenti ad Arnaldo che ha saputo dare nuova linfa ed entusiasmo ad un coro che ormai era stanco. E' un piacere trovarsi la sera e il tempo vola.

    RispondiElimina

Lasciate un vostro messaggio cliccando sulla parola "commenti"