BENVENUTI NEL BLOG DEL CORO "LA CORDATA"

Il coro Alpino fondato dal Maestro Giuseppe Labbozzetta, dal 1986 rappresenta un punto di riferimento corale e musicale per la città di Mestre e dintorni. Il sodalizio con la sezione C.A.I. conferma il legame del Coro con la passione per i canti popolari e l'amore per la montagna.

A TUTTI I NOSTRI VISITATORI BUONA NAVIGAZIONE

giovedì 8 aprile 2010

I CORISTI SI RACCONTANO - 3 -


Il Coro La Cordata nasce da un gruppo di amici che si ritrovava nella parrocchia di S. M Goretti a Favaro Veneto.

Si era nei favolosi anni ottanta e nelle periferie delle città la vita pulsava, così come le vere passioni e i sogni, che in quegli anni ancora si potevano fare e a volte concrettizzare.

In parrocchia si cantava nel coro della chiesa e tra i giovani c’era questa voglia di rappresentare con i canti popolari un’altra bella passione, quella per la montagna.

Alcuni di noi, che questo sogno lo portavano dentro al cuore da molto tempo e che sono ancora oggi in forza al coro, si ricorderano che l’idea di creare qualcosa di musicalmente valido era ben presente, bastava concretizzarla.

A dare una bella spinta di entusiasmo fu l’inserimento di alcuni giovani, tra i quali il nostro attuale Direttore e Maestro Bepi, che per sua passione aveva studiato musica e suonava già nella parrocchia e che da subito comincia a lavorare sodo per aggregare, voci, aspirazioni e talenti.

Ricorda nel frontespizio del suo album di foto il vecchio Presidente Walter Veronesi:
“……Così, quasi per scherzo…. In una fredda sera d’inverno, alcuni amici ebbero la bella idea di formare un coro alpino, con lo scopo di divertirsi cantando la montagna……Era la sera del lontano 14 febbraio 1985.

Mentre si stava formando il coro nel suo complesso, sorgevano varie esigenze organizzative da definire quali:
• La formazione di un’Associazione e il relativo Statuto;
• Luogo dove effettuare le prove;
• Il distintivo e la denominazione;
• La divisa

Tutte cose che hanno interessato ogni componente del coro nel primo periodo della sua formazione, oltre naturalmente all’apprendimento dei canti, all’impostazione delle voci etc.

Per il luogo fisico dove ritrovarsi ad eseguire le prove, il nascente coro potè usufruire di ambienti vari inizialmente presso il patronato parrocchiale, successivamente al Centro Civico del Parco della Bissuola, poi a Campalto in un prefabbricato di quelli arrivati dal Friuli dopo il post-terremoto.

Fino al giorno in cui, perfezionato il gemellaggio con la Sezione di Mestre, ci siamo definitivamente trasferiti al C.A.I. di via Fiume a Mestre.

Vanno ricordati, per la storia che ci ha accompagnato in questi 25 anni, tutti i vari componenti che si sono inseriti e avvicendati tra loro.

Per la maggioranza dei coristi l’aggregazione è avvenuta attraverso gruppi di amici in comune e di varie provenienze, qualcuno era militante in altro coro già esistente, altri (più di un componente del coro) colleghi di lavoro con in comune la passione del canto.

Tante sono state in questi anni le persone che sono entrate a far parte del coro, che però nel tempo, per vari motivi (salute, lavoro, spostamenti di residenza o problemi vocali) hanno dovuto rinunciare alla loro presenza e partecipazione.

Un ricordo affettuoso va a quei coristi che non ci sono più e che ora ci ascoltano dal cielo, in particolare Bepi Barison, Beniamino Simonato, Benito Busato, Emilio Casarin, Walter Veronesi.


I primi tempi, come in tutte le avventure e tradizioni pionieristiche, si sono caratterizzati con alcune timide esperienze di esibizione in pubblico, quasi a livello sperimentale.

La vera e propria esibizione in una manifestazione importante è avvenuta ufficialmente il 25 marzo 1987, in una memorabile serata assieme ad un coro già affermato, aderente all’ANA, il Coro Torre Venezia di Mestre.

E’ stato per tutti noi un momento emozionante e insieme di forte tensione.

Avevamo rotto il ghiaccio con quell’esibizione e abbiamo realizzato, con modesta timidezza, il lancio del nostro coro nel panorama del mondo della canzone popolare e di montagna, concretizzando il primo passo nel cammino che ci porterà ai concerti futuri.

Domenico Diana

Nessun commento:

Posta un commento

Lasciate un vostro messaggio cliccando sulla parola "commenti"